Osservavo a proposito la circolare n. 1 del 02/03/1994.
Questa fa riferimento non tanto all’uso che si fa dell’immobile, quanto piuttosto al fatto che, al di là dell’utilizzo che se ne fa, l’immobile sia ” idoneo ad abitazione “, risponda cioè ai requisiti tecnici a di autonomia funzionale che qualificano lo stesso come atto all’uso abitativo.

Recita testualemente la circolare che “…..non assume rilievo l’utlizzazione di fatto diversa dalla classificazione catastale, come ad esempio l’uso ad ufficio di una unita’ immobiliare classificata nella categoria A2.”

A questo punto pare che si possa utilizzare l’immobile come ufficio e non perdere le agevolazioni…….cosa ne dite?