La rete Adessonews è un aggregatore di news è pubblica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana.  Puoi richiedere la rimozione o inserimento degli articoli  in qualsiasi momento clicca qui.  Al termine di ciascun articolo puoi individuare la provenienza.

Cerca: Agevolazioni Finanziamenti Norme e Tributi sulla rete ADESSONEWS

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
#adessonews
Nostri Servizi

Imu 2013 – accertamento verso erede notificato dopo il 10 gennaio 2019

Finanziamenti - Agevolazioni - Norme - Tributi

Operativi su tutto territorio Italiano

 

Il 16 gennaio 2019, in qualità di erede, ho ricevuto accertamento per l’IMU 2013 della prima casa che mio papà ha venduto il 18 giugno 2013 con rogito il 26 giugno 2013. Non so innanzitutto se sia giusto pagarla, inoltre il protocollo del comune è del 18 dicembre 2018 ma il timbro postale è del 10 gennaio 2019, mi domando se anche se il pagamento fosse dovuto, la notifica non abbia superato i termini.

Gli eredi sono tenuti verso i creditori al pagamento dei debiti del de cuius personalmente in proporzione alla loro quota ereditaria (articolo 754 del codice civile).

L’articolo 1, comma 161, della legge 296/2006 (legge finanziaria 2007) dispone che gli enti locali, relativamente ai tributi di propria competenza (come l’IMU) procedono alla rettifica delle dichiarazioni incomplete o infedeli o dei parziali o ritardati versamenti, nonchè all’accertamento d’ufficio delle omesse dichiarazioni o degli omessi versamenti, notificando al contribuente, anche a mezzo posta con raccomandata con avviso di ricevimento, un apposito avviso motivato. Gli avvisi di accertamento in rettifica e d’ufficio devono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione o il versamento sono stati o avrebbero dovuto essere effettuati.

La Corte Costituzionale, con la sentenza numero 477 del 20 novembre 2002, ha definitivamente chiarito quale debba essere il momento in cui avviene il perfezionamento della notifica effettuata a mezzo del servizio postale: per il notificante, ai fini del rispetto dei termini legali di decadenza, nella data di consegna dell’atto all’agente notificatore ovvero, nell’ipotesi di notifica diretta via posta, nella data della spedizione attestata dalla ricevuta di invio; per il destinatario, nella data di ricevimento dell’atto attestata dall’avviso di ricevimento, da cui decorrono i termini per un eventuale ricorso.

19 gennaio 2019 · Giorgio Martini

Condividi il post su Facebook e/o Twitter – Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it

Source

Finanziamenti - Agevolazioni - Norme - Tributi

Operativi su tutto territorio Italiano

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: